Immaginavo di iniziare questo post in modo diverso, con la serenità che mi contraddistingue ultimamente…e invece devo fare una critica. Non sono riuscita a trovare un wi-fi spot in tutta Milano, nel 2011, a 4 anni dall’EXPO. Sono senza parole.

Così sono finita al CENTRO BOTANICO in via Cesare Correnti dove, nonostante io sia seduta da una decina di minuti, nessuno ha ancora considerato l’ipotesi che io possa volere qualcosa per colazione: I’M STARVING!!!

Il motivo per il quale stavo mobilitando mezzo mondo pur di avere internet oggi è legato al fatto che per me oggi è un giorno importantissimo: un giorno di bilancio e un giorno di propositi e al contempo è un giorno come un altro…quando mi sveglio e davanti al mio mac, alle mie pagine e ai miei blog.(Ecco, mi hanno appena comunicato che il bar apre a mezzogiorno, ma no problem…ho comprato due arance e un tortino di kamut al limone e sono tornata al tavolo).

Cominciamo dai propositi per il 2010: NO AL CONSUMISMO. Si, sono proprio io quella che scrive…quella del Black friday e dello shopping sfrenato e compulsivo!!! Mi rimarrà l’amore per il bello, ma il bello vero., il ricercato, l’esclusivo, il Made in Italy, l’etnico, l’originale e soprattutto, spero, l’etico. Ma non finisce qui…ogni volta che sento la NECESSITA’ di comprare un oggettino inutile….salvadanaio e via per un grande sogno e un grande progetto: un viaggio in India.

Secondo proposito: voglio diventare, essere e restare molto paziente con tutti, sempre. L’impazienza, la fretta, lo stress sono cose che non voglio nemmeno più nominare. La vita è una ed è pure breve, le soluzioni ai problemi ci sono SEMPRE, e la pazienza aiuterà noi stessi e gli altri a vivere meglio: think about it!

Infine 3, perché il numero perfetto serve sempre. Il terzo proposito si lega inevitabilmente al bilancio e quindi vi parlerò di questo, prima di tornare del terzo proposito.

Il bilancio non è mai stato così in attivo in tutta la mia vita, molti di voi lo sanno già, alcuni sanno il perché, alcuni credono di saperlo, altri si accontentano di spiegazioni superficiali, altri non sono nemmeno interessati a saperlo. Chi conosce la verità sa che mentre clicco ogni singolo tasto del mio Mac le lacrime scendono dai miei occhi senza controllo. In 99 giorni la mia vita è cambiata, io sono cambiata e di conseguenza tutto attorno a me è cambiato. Vorrei far salire tutti su questa giostra, almeno per un giro…poi so che nessuno vorrebbe scendere, anche se vedo che molti hanno paura di salire. Non richiede rischi, ma solo sforzi che portano la nostra mente, il nostro corpo e soprattutto la nostra anima a livelli insperati…e chi si arrende facilmente preferisce lasciar perdere sin dall’inizio.

Ma ogni cammino può dare qualcosa….perchè non provare…???

Io ho passato l’ultimo anno e mezzo a cercare di sistemare la mia vita come se dovessi risolvere il cubo di Rubik, le ho provate tutte: giallo, rosso, blu, ma c’è ancora il bianco…e ri-sposta tutto, poi diventa nero….ma non c’era verso di venirne a capo. E iniziavo a stufarmi. E volevo lanciarlo fuori dal finestrino. E tutti volevano aiutarmi perché c’erano riusciti, ma non sapevano come e continuavano a dirmi che alla fine, bisogna riuscirci da soli.

Così un giorno di ottobre avevo magicamente completato una riga…e già così ero la persona più felice del mondo…e la settimana dopo un’altra…e poi un’altra ancora. E una mattina mi sono svegliata e senza sapere come, mi sono resa conto che il cubo era perfetto ed era tutto merito mio e di alcune fantastiche persone che attraversando la mia vita mi avevano suggerito una piccola mossa. E ora, anche quando lo scombino tutto, lo faccio tornare perfetto in un battibaleno.

Il terzo proposito? Mantenere sempre viva in me la voglia e la capacità di riportare il cubo di Rubik alla perfezione, di mantenere questo splendido equilibrio e questa splendida vita e di saper riconoscere i meriti di tutti, soprattutto di quei fantastici amici che mi sono stati vicini per tutto il 2010, nonostante tutti i miei comportamenti più bizzarri, ‘nel male e nel bene, nella buona e nella cattiva sorte’…siete e sarete sempre nel mio cuore.

L’augurio per quest anno non è ‘buona fine, buon inizio’, che la festa vada come deve andare, come tutte le altre….ma che il vostro 2011 sia felice e sereno e che preveda almeno un giro sulla giostra!!!

Ora scappo a fare shopping, mi restano solo 12 ore di follia!!! 😛

Annunci