23, 24, 25, 26, 27, 28, 29, 30, 31….e si parte. Alle 9 am.

Sono sempre più felice di tornare.

Mi sento italiana, mi sono un pò chiusa in questo ultimo mese. Quasi volessi proteggermi.

Io e Marghe passiamo i giorni alternandoci tra scatoloni, internet cafè, commissioni e spiaggia. Beh finalmente c’è il sole ed è sempre agosto….quindi….un pò ce lo meritiamo no?!?

Sto leggendo un sacco, finalmente, cucino…programmo gite a Riverside. Inizio a essere un pò più io.

Quella del relax, dello yoga, delle grandi chiacchierate  e della meditazione.

Oggi ho fatto un sogno spettacolare: io e Laura andavamo a fare paracadutismo. Dopo un pò, siccome il mio numero di telefono era sbagliato, sono dovuta tornare alla base, mentre Laura ha proseguito il suo tour.

Giunta a Terni l’istruttore avrebbe dovuto lanciare l’ancora e riprogrammare il paracadute per ritornare alla base(non ho la più pallida idea di dove fossimo). L’istruttore, fidandosi del talento dimostrato da Laura, fece lanciare l’ancora a lei.

A questo punto Laura, anzichè lanciare l’ancora in mezzo al bosco, la gettò in piena città.

Alcuni minuti dopo mia madre mi chiamò dicendomi di accendere il televisore su qualsiasi canale. La città di Terni andava a fuoco.

Mia zia Bibi, che fa parte del consiglio comunale/provinciale, stava rilasciando un’intervista dicendo che Laura doveva assolutamente essere rilasciata dopo l’arresto avvenuto poche ore prima.

Io chiamai mio padre chiedendogli se fosse stato lui a dire alla zia che Laura era la mia migliore amica,e mio papà mi rispose: ‘credo che lo abbia capito vedendo tutte le DOCU-STORIE che parlano di Laura dalla sua nascita. Ci sono anche tutte le foto delle vostre vacanze’.

Stamattina mi sono svegliata ridendo ed immaginando le docu-storie su Laura, mentre lei era in carcere.

ps: Prego psicologi/psichiatri/psicoterapeuti che tramite questo racconto diagnostichino qualunque tipo di insanità mentale di astenersi dal commentare. GRAZIE 🙂

Annunci