Di recente ho frequentato 100 delle 300 ore di formazione Yoga Alliance tenute da Jason Crandell a Londra. Ho avuto modo di conoscere diversi insegnanti e alcuni giorni fa sono stata contattata da Lisa, che sta scrivendo un libro per aspiranti insegnanti yoga, in poche parole, il grande trend del momento.

Avrei moltissimo da dire su questo argomento, e onestamente avevo anche già pensato di scrivere in merito, ma mi sono sempre spenta pensando a “chi sono io per diffondere questo mio pensiero”. Così me lo sono tenuta per me. Oggi, però, mi sono divertita a rispondere a tutte le sue domande, in modo schietto e diretto e ho pensato semplicemente di condividere con voi questa intervista. Avessi scritto un post a riguardo, sarei stata molto più soft e politically correct, ma qui mi viene chiesto come persona quale è stata la mia esperienza e quali i miei pensieri in merito per cui mi è sembrato giusto essere il più trasparente e onesta possibile.

Enjoy!

PS: l’intervista era in inglese, per cui mi sono fatta aiutare dal traduttore automatico per non doverla riscrivere da zero, per cui potreste trovare più di qualche errore!

dd69cce49bbec125e83cbc6426a4ef49

1. Ricordi il tuo primo incontro con lo yoga?

Sì! Ho partecipato a una lezione di yoga per la prima volta 8 anni fa, in California, dopo che la mia lezione di tennis è stata cancellata. Sono sempre stato una persona molto sportiva ed ero molto scettica riguardo lo yoga. Mi sono subito appassionata poiché, venendo dall’occidente ed essendo una studentessa di marketing, ho sentito per la prima volta cose che nessuno mi aveva mai detto. Per esempio che ci si può fermare, che non serve leggere qualunque news o mail dell’universo, che non dobbiamo arrivare da nessuna parte!!! Ho passato tutto il rilassamento finale, savasana, con le lacrime che mi scorrevano sul viso; questo mi ha fatto pensare che forse c’era ancora qualcosa di importante da imparare su di me e sulla vita.

2. Quale TT hai frequentato e in quale anno?

Ho fatto le mie prime 200 ore TT nel 2016 a Ibiza, con Pedro Franco – Premananda Yoga, anche se ho iniziato a insegnare prima, senza la certificazione dello Yoga Alliance, su benestare dei miei due insegnanti.

3. Che stile pratichi adesso?

La mia pratica è Vinyasa Yoga, dove personalmente trovo il miglior equilibrio tra forza, ritmo e consapevolezza. Pratico anche lo Yin Yoga per il suo effetto meditativo e calmante.

4. Cosa facevi prima di diventare un insegnante di yoga?

Prima di diventare un insegnante di yoga a tempo pieno, lavoravo come Digital Strategist in agenzie pubblicitarie e società di marketing.

5. Quale TT hai frequentato e in quale anno?

Yoga Alliance 200 ore intensivo Pedro Franco + Yoga Alliance 50 ore con Waylon Belding + Yoga Alliance 50 ore Yin Yoga con Biff Mitthoefer + Yoga Alliance 100 ore con Jason Crandell (parte del programma di 300 ore)
6. Quali sono stati i tuoi pro e contro personali per aver scelto questo format?

Credo fermamente e profondamente che la formazione 200 ore degli insegnanti non sia ciò che ti rende un insegnante e non ti farà diventare un insegnante se lo frequenterai (sia intensivo che non): 200 ore sono troppo poche e troppe cose dello yoga non possono essere coperte. Consentirei la possibilità di frequentare un corso di formazione di 200 ore solo dopo almeno 5 anni di pratica e, dopo la formazione, prima di insegnare, gli studenti dovrebbero ottenere almeno 40 ore di ore di assistenza. L’unica ragione per cui ho frequentato il mio primo teacher training è perché avevo bisogno di una certificazione per insegnare in alcuni studi yoga, mentre la mia formazione di 300 ore è motivata dalla mia volontà di approfondire la mia pratica e la mia conoscenza in un campo specifico con un determinato insegnante.
8. Quanto pratichi ora?

La mia pratica personale di asana è ogni 2-3 giorni, mentre la pratica della meditazione ogni giorno.

9. Che cosa consiglieresti ad uno studente in gamba che sta per frequentare un teacher training?

Di non avere troppe aspettative su questi nuovi modelli di formazione se non di trovare un approfondimento della sua pratica e degli studi e di non sentirsi “eletto” dopo averlo frequentato.

10. Qual è il più grande consiglio che hai mai ricevuto?

Non far cadere lo yoga nel “sistema normale”! In poche parole… fare un corso per insegnanti e conseguire un diploma come lo Yoga Alliance di 200 ore rende lo yoga un’attività come molte altre: nuoto-zumba-pianoforte. Denaro, pagamento, certificazione, titolo, … Questi sono tutti prodotti dei giorni nostri. Riconoscili per quello che sono, completali se ne hai bisogno, ma non lasciare che la disciplina spirituale dello yoga venga rovinata dal sistema. Sia quando apprendi e più tardi quando insegni (ad esempio più classi dinamiche / inversioni perché attirano un pubblico più vasto, fanno guadagnare di più, …).

11. Quali sono i cattivi consigli che senti in questa professione?

Citato sopra 😀 E.g. I proprietari dello studio di yoga ti chiedono di essere più dinamici, ti dicono come usare la musica, come insegnanti che ti dicono di spingere di più, spingendoti forzatamente nelle posture. Non ricordo alcuna cattiva raccomandazione poiché probabilmente l’ho rimossa mentre la ascoltavo. Ma sono sicura di averne ricevute tonnellate 😀

12. C’è un investimento che ritieni ottimo come studente? per esempio una certa bottiglia, un tappetino yoga, un libro?

I libri sono istruzione e quindi come lezioni, seminari e ogni altro studio li considero come un buon investimento. Come tutto, cosa scegli, quale libro, quale insegnante, quale argomento è cruciale. Personalmente, essendo un appassionato di psicologia, uno dei libri più interessanti che ho letto è “Tra Freud e Patanjali. La conoscenza segreta dello yoga e della psicoanalisi” di TKV Desikachar e Hellfried Krusche, ma sono sicuro che potrei citarne molti altri. Nonostante io sia un amante dello shopping, eh sì, certi vizi sono difficili da scardinare, per quanto mi piacciano tappetini e leggings, non li considero buoni investimenti, ma solo un extra “materiale”.

13. C’è fallimento preferito che ti ha insegnato qualcosa su di te e che successivamente ti ha portato al successo?

Ho fallito così tante volte e ogni volta ho imparato così tanto da non poter più pensare a ciò come a dei fallimenti. Credo che cadiamo in diverse trappole ogni singolo giorno, dimenticando quale sia veramente il percorso della vita. Ciò che ha davvero fatto la differenza nella mia vita è la capacità di sapermi fermare. Ogni volta che non so cosa fare, mi fermo. Prima di tutto, perché le “risposte” vengono da sole … non devi stressarti per trovarle, o forzarle, troveranno la loro strada, indipendentemente da ciò che hai fatto affinché arrivassero prima. Questo mi aiuta sempre a evitare tutta la lotta e la sofferenza che attraversiamo quando vogliamo qualcosa, come una risposta, subito. Secondo, mi fermo per connettermi. Per riconnettermi. Visualizzo il mio percorso nella vita, quello che ho visto che funziona e che ha valore per me. Questo di solito mi porta lentamente alla risposta, senza farmi precipitare in una scelta dettata da automatismi interni ed esterni.

14. Quale libro ha avuto un impatto sulla tua vita?

Non ho un libro specifico che abbia avuto un tale impatto, anche se considero la “danza del vuoto” di Adyashanti davvero potente. Sono ancora molto affezionato al primo libro di yoga che ho letto, ormai 9 anni fa: “Lo yoga nella vita” di Donna Fahri.

15. C’è qualche rito assurdo in cui credi?

No. Non più. Lo yoga mi ha liberato da tutte le credenze “magiche”.

16.Qual è la tua routine di self-care, o hai dei rituali mattutini?

Ho una routine mattutina molto dolce, che ha poco a che fare con tutti i rituali di yoga che siamo abituati a leggere nei blog di yoga alla moda in questi giorni. Mi è sempre piaciuto svegliarmi molto presto perché fuori è tranquillo, anche se sono stanca, e ora mi piace ancora di più perché mi permette di passare l’ora di colazione con il mio ragazzo prima che lui vada al lavoro. Quando se ne va, mentre sto ancora sorseggiando il mio caffè, trascorro i primi minuti ripulendo casa pian piano, facendo il letto, molto più come un’attività di consapevolezza che come una casalinga disperata 😀  Dopo di che viene la meditazione, lo yoga, lettura e poi lavoro.

17.Quando ti senti ko e che hai perso un po’ la tua strada, cosa fai?

Mi fermo. Se non posso, aspetto e cerco di non fare nulla finché non posso fermarmi. A volte, quando mi sento molto sopraffatta, scrivo. Di solito mi tranquillizza, a volte però … non è abbastanza. Quindi continuo a stare in ballo, senza prendere decisioni, fino a quando non ho la quantità di tempo giusta per fermarmi, riposare e ascoltare lentamente.

18. Nell’ultimo anno c’è qualcosa di nuovo sul tuo insegnamento che hai notato, apprezzato o coinvolto?

Da quando ho iniziato ad insegnare le mie lezioni sono cambiate, evolute. Più studio, più pratico, più tutto cambia. Non riesco a pensare di essere statico nel mio insegnamento quando tutto intorno a me quotidianamente mi da e mi insegna qualcosa di nuovo che posso portare in classe con me.

19. Nell’ultimo anno, sei riuscito a dire di più NO?

Credo che uno dei più grandi insegnamenti di yoga che abbia mai ricevuto, sin dall’inizio, è che puoi dire di no. E sì, sto migliorando ogni anno in questo 😀

20. Se potessi condividere un messaggio a tutti i tuoi studenti, quale sarebbe?

La cosa più difficile da insegnare nello yoga è accettare che non puoi insegnare tutto. A volte vorrei poter dare di più a uno studente, ma c’è qualcosa, nei rami dell’ashtanga di Patanjali, che non può essere passato attraverso le asana, le parole, i libri. Puoi mostrare ai tuoi studenti il ​​loro percorso, ma non puoi fare i loro passi. Quindi, direi loro di non avere paura di camminare nel fango, perché quella via, quella via estremamente difficile e faticosa, è la via della Verità, ed è l’unica che conduce alla libertà.

Schermata 2018-08-20 alle 10.44.44

PS: e per fortuna non c’erano domande sull’utilizzo dei social media in campo yoga, magari un giorno riuscirò a sguinzagliarmi anche su questo!!! 😀 A questo proposito ecco un mega selfie dal training di Londra, condiviso dallo stesso Jason… perché un po’ di auto-ironia ci vuole sempre!

Annunci