‘Che cos’è questa vita più vasta?

(…)E’ quella sospensione del tempo che si verifica quando siamo così immersi in un’attività da diventare l’attività stessa: non dipingiamo ma siamo pittura, siamo danza, siamo lettura, ascolto, amplesso, passeggiata. E’ un’esperienza di appartenenza, di ritorno a casa e di riconciliazione. E’ un’apertura a ciò che non ci è possibile conoscere, spiegare o definire, è un darsi senza riserve a quel mistero anche se non abbiamo idea di dove ci condurrà. E’ un risveglio all’intensità della vita quando abbassiamo la guardia, con la piena conoscenza che amare ci espone anche al dolore e alla perdita. E’ uno stato nel quale permettiamo a tutti i sensi di essere amplificati fino a divenire sensazione: una brezza leggera che accarezza la pelle, la freschezza dell’acqua, i colori delle luci al neon nella notte. E’ uno stato dell’essere così irresistibile che, se abbiamo avuto anche un solo esempio fuggevole di quel genere di vita, non importa quanti anni fa, ne restiamo ossessionati.’

Donna Fahri

Buona settimana a tutti!

Annunci